Amministrativo

Servizi pubblici locali, l'assenza di motivazione analitica rende illegittimo l'affidamento in house

di Michele Nico

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Con la sentenza n. 1900/2016 il Consiglio di Stato ritorna sul tema degli affidamenti in house affermando che la scelta di tale modello organizzativo per gestire i servizi pubblici locali esige una motivazione analitica, puntuale e circostanziata, senza la quale l'intero processo di esternalizzazione risulta inficiato da grave illegittimità. La vicenda - Nel caso di specie, una società a totale capitale pubblico, partecipata da una platea di 53 Comuni, propone appello contro la sentenza del Tar ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?