Amministrativo

Concorsi interni: chi ha il titolo di studio per ricoprire il posto può impugnare il bando

di Giulia Laddaga

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il possesso di un titolo di studio astrattamente idoneo a ricoprire posti oggetto di bandi o procedure riservate, sottratte al principio del pubblico concorso, è sufficiente ad attribuire un interesse personale, concreto, diretto e attuale a impugnare il bando. Lo ha stabilito la quinta sezione del Consiglio di Stato con la sentenza n. 4139 dello scorso 7 settembre, ribaltando la decisione del Tar. Il Giudice dell'appello ha quindi annullato il bando per una procedura riservata per selezioni verticali, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?