Amministrativo

Stop alla fabbrica «dormitorio»

di Guglielmo Saporito

Esaminando la vicenda di un capannone diviso con pareti in cartongesso dagli “inquilini cinesi”, il Tar Toscana ha affrontato i problemi legati al mutamento di destinazione degli edifici produttivi. Dall’ordinaria iniziale destinazione artigianale, il capannone era stato suddiviso in due porzioni, una delle quali definita show room di capi di abbigliamento finiti, l’altra rimasta deposito e laboratorio con macchine per taglio e cucito. La sanzione (obbligo di ripristino) disposta dal Comune di Prato rifletteva il mutamento di destinazione, che ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?