Amministrativo

Così l’Albo sogna la “nuova era” dell'informatica

di Eugenio Sacchettini

La tenuta degli albi di competenza del Consiglio dell'Ordine circondariale attiene in primo luogo ovviamente l'albo degli avvocati, comprensivo degli avvocati in regime di stabilimento di cui al Dlgs 2 febbraio 2001 n. 96 (su «Guida al Diritto» n. 15/2001, pag. 36) relativamente ai quali vanno indicati ulteriori dati specifici quali l'abilitazione nel Paese di origine. In linea generale per gli avvocati, oltre ai dati consueti, generalità, data d'iscrizione ecc., vanno indicati recapito telefonico, numero di fax e indirizzo di posta elettronica certificata, nonché l'eventuale inserimento in società professionale o partecipazione in associazione professionale.

Negli elenchi per società va anche indicata la partita Iva (eventuale quanto alle associazioni professionali) oltre all'elenco dei soci o compartecipi. C’è poi il registro dei praticanti, relativamente ai quali devono risultare in particolare, oltre ai dati consueti, la data del diploma di laurea (eventuale, perché alla pratica possono iscriversi anche gli studenti dell’ultimo anno) con l’indicazione dell’università, del codice fiscale, del recapito telefonico e dell’indirizzo di posta elettronica ordinaria (certificata se posseduta). Oltre alle modalità di svolgimento della pratica va anche indicato il nominativo e il codice fiscale dell’avvocato presso cui essa viene svolta nonché la data dell’eventuale ammissione al patrocinio.

Completa informatizzazione degli albi, elenchi e registri
L’articolo 5 dispone la completa informatizzazione degli albi, elenchi e registri precisando che, se emerge necessità di revisione dei dati, ne viene data notizia all’interessato a mezzo di posta elettronica certificata e, se non è possibile, a mezzo di raccomandata con ricevuta di risposta e quest’ultimo può inviare con le stesse modalità osservazioni entro dieci giorni.
Le domande d’iscrizione agli albi, elenchi e registri vengono inserite con modalità informatiche nel sistema cui si accede alternativamente mediante l’impiego di una smart card ovvero mediante l’utilizzo di usarname o password comunicate personalmente all’interessato, combinato con un token per la generazione di one time password, oppure infine mediante l’impiego di un usarname e di una password comunicati personalmente all’interessato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA