Amministrativo

No al risarcimento per l'agente penitenziario se il detenuto fuma in cella

di Andrea Alberto Moramarco

Non è configurabile alcun danno non patrimoniale in favore degli agenti penitenziari per l'inalazione del fumo delle sigarette fumate in cella dai detenuti se l'esposizione al fumo passivo è limitata all'occasionale presenza nei corridoi e se sono state adottate opportune misure per adeguare la dotazione impiantistica anti fumo. Lo ha affermato il Tar Firenze con la sentenza 2025/2014 . Il caso. La vicenda trae origine dal ricorso presentato da alcuni agenti penitenziari, tutti non fumatori, in servizio presso ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?