Amministrativo

La volontà delle parti «supera» le clausole

di Guglielmo Saporito

Nell’interpretazione dei contratti, la terminologia adottata dalle parti “conta meno” di condotta delle parti e buona fede. La sentenza 25840/14, depositata ieri, inquadra in modo innovativo un trasferimento immobiliare, in cui l’acquirente (impresa) avrebbe pagato parte del prezzo al venditore trasferendogli una porzione dell’immobile che avrebbe ristrutturato. Il contratto era stato denominato come compravendita con permuta. La Cassazione ha preferito la più generica espressione operazione di permuta, risultante dal combinarsi di più contratti. Di conseguenza, i vari contratti si ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?