Amministrativo

Servizi pubblici, l'interdittiva non conta

di Francesco Clemente

È legittimo non interrompere il contratto pubblico di fornitura o prestazione di servizi con l'impresa vincitrice colpita da informazione interdittiva antimafia se questa non è sostituibile in tempi rapidi e la fornitura o il servizio è essenziale per l'interesse pubblico. Lo ha stabilito il Tar della Campania, sede di Napoli, con la sentenza n. 5692/2014, resa dalla Prima sezione e depositata il 5 novembre. I giudici hanno respinto il ricorso di un consorzio di aziende che aveva chiesto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?