Amministrativo

Gare: requisito di moralità anche per amministratori con potere di rappresentanza

Anna Corrado (Guida al Diritto)

Il principio di proporzionalità di matrice comunitaria collega la causa di esclusione dalla gara per mancanza dei requisiti di moralità e di affidabilità agli «amministratori muniti del potere di rappresentanza » oltreché al «direttore tecnico». Lo afferma la decisione n. 23 del 2013 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato. Secondo i giudici di Palazzo Spada, con la locuzione di «amministratori muniti del potere di rappresentanza» ci si riferisce a un’individuata cerchia di persone fisiche che, in base ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?