SOPRAVVENIENZE ATTIVE AL VECCHIO PROPRIETARIO

LA DOMANDA Sono stato proprietario di un appartamento in un edificio storico vincolato dalla Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici, e avevo sostenuto tutte le spese a me riferite dal condominio, che aveva effettuato lavori di consolidamento e di conservazione sull'edificio. A fine lavori (2005) avevo firmato anch'io la richiesta del condominio di contributo ex legge 21 dicembre 1961, n. 1552, inviata alla stessa Soprintendenza. Alcuni anni dopo ho venduto l'immobile, senza citare nell'atto alcunché riguardo al contributo (peraltro incerto nell'ammontare). Ero convinto che l'eventuale concessione fosse naturalmente di mia competenza.Poche settimane fa il condominio ha ricevuto il pagamento complessivo del contributo e l'amministratore ha assegnato la quota riferita a quell'appartamento all'attuale proprietario (lo stesso subentrato anni dopo la fine dei lavori), sostenendo - a propria giustificazione - che non è tenuto a conoscere le vicende precedenti. A chi spetta il contributo in assenza di indicazione sull'atto di vendita dell'immobile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?