SUL PARCHEGGIO IN CORTILE INTERESSI DA BILANCIARE

LA DOMANDA La corte condominiale di uno stabile residenziale è usata da tempo come parcheggio (accesso con sbarra elettrica), senza una specifica destinazione e con un numero di stalli insufficiente per tutti i condòmini. Il piano terra del palazzo è destinato da sempre a ristorante-pensione e si affaccia sulla corte con proprie insegne e accessi (con 276 millesimi di proprietà). La corte, poco usata come parcheggio in origine (anni 60), ora è oggetto di discussioni. È possibile che il condominio scelga la destinazione a parcheggio ostruendo il passaggio alla clientela e rendendo meno visibile commercialmente l'entrata del ristorante? Si fa presente che l'attività in oggetto risulta già, come posizione, poco visibile dalla pubblica via, e sarebbe ulteriormente penalizzata. Quali argomenti o normative possono essere fatti valere a difesa degli interessi dell' attività ricettiva? Si specifica che in assenza di regolamento (generale) si vuole approvarne uno con particolare riferimento alla corte in contesto.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?