L'AMMINISTRATRICE NON PUÒ VENIRE SOSTITUITA DAL PADRE

LA DOMANDA Nel 2013 è stata nominata un'amministratrice condominiale, che per i primi due anni si è presentata alle riunioni, mentre successivamente si è presentato suo padre. Quest'ultimo, ora, ha indetto anche l'assemblea annuale: la lettera di convocazione, infatti, è firmata da lui, e non più dalla figlia. Posso contestare questo comportamento? Posso andarmene se non si presenta l'amministratore nominato?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?