AGIBILITÀ NON NECESSARIA AI FINI DELLA VENDITA

LA DOMANDA Sono in procinto di vendere una casa e possiedo il permesso di approvazione comunale, del 27 aprile 1973, per i lavori di ristrutturazione che sono stati a suo tempo eseguiti sull'immobile. Il notaio mi richiede il certificato di abitabilità/agibilità, da lui considerato necessario per stipulare l'atto di compravendita. Ho fatto una ricerca all'ufficio edilizia del Comune, ma non si riesce a trovare questo documento.È corretta la richiesta del notaio? Per vendere la casa è obbligatorio questo documento, anche nel caso di lavori fatti nel 1973? Il Comune, allora, era obbligato a rilasciarmi tale certificazione anche senza una mia esplicita richiesta, pur avendomi rilasciato l'approvazione per i lavori, con tanto di timbro sulla piantina? In caso di risposta negativa, posso chiedere adesso al Comune tale certificazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?