ALLESTIMENTI DEGLI STAND TRA LE SPESE DI PUBBLICITÀ

LA DOMANDA Un’azienda sostiene costi diversi (progettazione, acquisto di materiali, esecuzione dei lavori di montaggio, eccetera) per allestire gli stand dove saranno collocati i mobili di propria produzione, da esporre presso i punti vendita dei clienti ai quali sono stati ceduti. Tali stand hanno la sola funzione di ambientare i prodotti esposti; non riportano il marchio o il logo dell’azienda; sono lasciati a disposizione del cliente e, quindi, non possono essere considerati immobilizzazioni materiali, di proprietà.Data la loro utilità pluriennale, questi costi sono stati finora contabilizzati come “altre immobilizzazioni immateriali” (voce B.I.2). Secondo una diversa interpretazione, si tratterebbe invece di costi di pubblicità, destinati a un'altra rappresentazione in bilancio. Qual è la corretta modalità?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?