COSTI ELETTRICI DEI BOX RIPARTIBILI A MAGGIORANZA

LA DOMANDA Il nostro supercondominio è composto da 262 abitazioni e 49 box di proprietà esclusiva di altrettanti condòmini. Attualmente l'energia elettrica utilizzata all'interno dei box viene pagata in modo forfettario dai proprietari. Uno di questi propone di installare un contatore su ciascun box, in modo che ogni proprietario paghi in base ai propri consumi, e a tal fine chiede che sia convocata un'assemblea di tutti i condòmini, affinché questi decidano a maggioranza sia circa l'installazione sia circa il costo relativo all'operazione. L'amministratore afferma che l'argomento esula dai poteri dell'assemblea, che non può deliberare su cose che riguardano la proprietà privata, a meno che tale delibera avvenga all'unanimità di tutti i partecipanti al supercondominio (cioè con mille millesimi). Vorrei sapere se ciò che dice l'amministratore è corretto.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?