PERIODO DI PROVA E CONGRUITÀ DELLE CLAUSOLE

LA DOMANDA In una lettera di assunzione a tempo pieno e indeterminato, in qualità di impiegato, a decorrere dal 9 gennaio 2017, le mansioni erano così riportate: «Ella svolgerà le mansioni di responsabile commerciale e sarà inquadrato al livello 6° del Ccnl industria metalmeccanica Aib» (contratto rinnovato il 26 novembre 2016, declaratorie invariate dal Ccnl 5 dicembre 2012). È seguito, il 31 marzo, il licenziamento per mancato superamento del periodo di prova. Si chiede un parere riguardo alla validità del periodo di prova indicato in rapporto alle mansioni, come riportate nella lettera di assunzione. Alla luce, anche, delle declaratorie della classificazione del personale del Ccnl applicato, è valido un patto di periodo di prova così definito? Nelle declaratorie, si ravvisano in modo specifico le mansioni cui riferirsi per espletare effettivamente la prova? Nel caso prospettato, si potrebbe prospettare la nullità del periodo di prova?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?