BRAGA DI SCARICO ROTTA: COSTI DIVISI IN PARTI UGUALI

LA DOMANDA Il mio appartamento è al terzo e ultimo piano di un condominio degli anni '70. La braga di connessione del mio impianto domestico delle acque reflue alla condotta verticale ha subìto una rottura, con fuoriuscita d'acqua che ha invaso i soffitti dei due piani inferiori. La ricerca del guasto ha comportato la demolizione della soletta in cemento armato, in corrispondenza della braga. Sono stati sostituiti un pezzo dello scarico verticale e la braga stessa. Il regolamento condominiale del '70 afferma che «le spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria per tali colonne sono ripartite in parti uguali fra i condòmini. Qualora si manifesti un danno facilmente localizzabile, contribuiranno alle spese di riparazione o ricostruzione i condomini allacciati da quel punto in su». Chiedo se, vista la sentenza 778/2012 della seconda sezione della Corte di cassazione, le spese possano ricondursi al condominio e non solo al mio appartamento.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?