LAVORO INTERMITTENTE SENZA LIMITI NUMERICI

LA DOMANDA Il quesito riguarda il contratto di lavoro intermittente a tempo determinato. Posto che, fino a quando il contratto a tempo determinato era regolato dal Dlgs 368/2001 e il contratto di lavoro intermittente era regolato dal Dlgs 276/2003, le due discipline viaggiavano su due binari separati, ora che queste sono "unificate" nel Dlgs 81/2015, lo sono anche le rispettive regole? Posso assumere un lavoratore a termine a chiamata se ho sforato il limite dei contratti a tempo determinato stipulabili? Tra un contratto a termine "classico" e uno a chiamata, o viceversa, devo rispettare lo stacco? La disciplina delle proroghe e dei rinnovi è la medesima?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?