DUE ANNI DI «SOLIDARIETÀ» PER I NUOVI PROPRIETARI

LA DOMANDA Quale amministratore, devo provvedere a pagare arretrati di consumo idrico per circa 9mila euro, accumulatisi tra il 2003 e il 2013 per inerzia della precedente amministrazione. Tra gli attuali proprietari ne figurano due che hanno acquistato i rispettivi appartamenti nel 2014. Questi due soggetti, che nulla hanno a che fare con i precedenti consumi, devono farsi carico della quota che competerebbe invece ai vecchi proprietari, salvo poi rivalersi su di essi? Come amministratore non sono legittimato ad agire giudizialmente verso chi non è al momento condomino: quindi, che fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?