CONTABILIZZAZIONE CALORE, CRITERI NON DEROGABILI

LA DOMANDA Un condominio, servito da teleriscaldamento, si è dotato di termovalvole un anno fa, "sotto" il precedente amministratore e per il tramite di un idraulico di fiducia, che, peraltro, non ha rilasciato il progetto né un certificato di conformità del lavoro fatto. Convocata ora, da me, per scegliere il tecnico per il calcolo dei dati richiesti ai fini della ripartizione delle spese di riscaldamento secondo la norma Uni 10200, l'assemblea si rifiuta di procedere. Ho menzionato agli altri proprietari la possibilità che il condominio riceva una sanzione - ex articolo 16, ottavo comma, del Dlgs 102/2014 - ma mi hanno risposto che nessuno verrà mai a sapere come essi ripartiscono la spesa di riscaldamento, in quanto questa informazione non è soggetta a comunicazione ad alcun ente terzo. Come posso rispondere a questa presa di posizione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?