LO SCARICO DELLA CALDAIA NEL PLUVIALE COMUNE

LA DOMANDA In uno stabile, il condòmino del primo piano ha sostituito la caldaia situata nel bagno, un cui lato costituisce parte del muro perimetrale. È stato quindi forato questo muro perimetrale, dal quale ora esce un piccolo tubo di circa 10 centimetri di diametro, come quello di scarico dei condizionatori, che è stato inserito nell'adiacente pluviale condominiale, forandolo. Ignoro che cosa esca da questo tubo, che sembra quello di un condizionatore, che generalmente fa uscire l'acqua o la condensa. Chiedo se è stato legittimo innestare questo tubo privato, relativo a una caldaia, in un pluviale condominiale che, mi sembra, dovrebbe servire solamente per fare scorrere l'acqua piovana che defluisce dal tetto.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?