AVVISO DI REATO, DIMISSIONI CON EFFETTO IMMEDIATO

LA DOMANDA Il recesso del dirigente di azienda industriale che risolva il rapporto di lavoro ex articolo 15 del Ccnl (contratto collettivo nazionale di lavoro) - motivato con l’avvenuto rinvio a giudizio, per fatti direttamente connessi alle funzioni attribuitegli, e a seguito di avviso di reato tempestivamente notificato - contempla il diritto, oltre che al Tfr (trattamento di fine rapporto), a un trattamento pari all’indennità sostitutiva del preavviso e ad una indennità supplementare. Il recesso si concretizza mediante specifiche dimissioni motivate, che vengono definite “qualificate” e/o “giustificate”.In tali circostanze, le dimissioni determinano legittimamente la risoluzione del rapporto di lavoro, con effetto immediato e senza obbligo di preavviso? In altre parole, si chiede se il dirigente è legittimamente esentato dall'obbligo del preavviso e/o se la mancata prestazione del preavviso produce effetti sulla misura delle indennità.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?