PROPRIETÀ CONDIVISA, RAPPRESENTANTE UNICO

LA DOMANDA Ritengo che alcuni verbali dell'assemblea condominiale contengano una serie di inesattezze: 1) due condòmini appartenenti alla stessa famiglia e rappresentati dal medesimo delegato sono considerati come un solo condomino, con totale dei millesimi; 2) nell'elenco dei presenti risultano a volte inseriti i condòmini delegati in altra assemblea e non quelli reali; 3) non risultano i provvedimenti approvati distintamente dai proprietari e dagli usufruttuari. Il presidente ritiene sempre validamente costituita l'assemblea, anche in presenza di quanto specificato ai punti 1) e 2). Come considerare questi verbali e le relative delibere adottate?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?