ACQUISTO ALL'ASTA, IMPOSTE AGEVOLATE SE C'È RIVENDITA

LA DOMANDA Ho acquistato in asta un locale in categoria C/2 di circa 360 mq (rendita catastale di 1.170 euro) - con decreto di trasferimento del giudice esecutore il 23 marzo 2016 - usufruendo dell'agevolazione delle imposte di 200 euro (prevista dall'articolo 16 della legge 49/2016) e adibendo tale locale a pertinenza dell'abitazione principale (avendo una rendita catastale maggiore di quella della casa stessa). In virtù di questa legge, sono obbligato a vendere il locale entro due anni (anche se con la crisi in atto non so se vi riuscirò). Nel frattempo, sto presentando un progetto per la costruzione di cantinole, tenendo comunque una parte del locale per me, quale pertinenza della mia abitazione principale. Se vendessi una parte del locale acquistato all'asta, andrei incontro a un accertamento dell'agenzia delle Entrate e dovrei pagare lo stesso le maggiori imposte e sanzioni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?