LA MANUTENZIONE DEL FOSSO COMUNE

LA DOMANDA Sono proprietario di un fondo agricolo che, sulla linea di confine, ha un fosso di scolo per le acque piovane. Il fosso scorre in parte nella mia proprietà e in parte nella proprietà del vicino. Quest'ultimo, negli anni, con opere di miglioramento agrario del suo fondo ha un po' alla volta ridotto notevolmente la larghezza del fosso, tanto da venire in alcuni punti a scaricare le sue acque nella mia proprietà. Finché si trattava solo delle acque piovane, il fosso restava quasi sempre asciutto. Ora, da un paio d'anni il confinante ha realizzato nella sua proprietà un pozzo artesiano, che, con un tubo del diametro di 10 centimetri, scarica in continuazione acqua in questo fosso, trasformandolo di fatto in un acquitrino. Desideravo sapere se il confinante ha diritto di utilizzare lo scolo per far defluire le acque del pozzo artesiano, e se può essere obbligato a ripristinare la parte di fosso chiusa.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?