LA QUOTA SPESE A CARICO DEL CONDOMINO DISTACCATO

LA DOMANDA Un condomino con una forte caratura millesimale si è distaccato dal riscaldamento centralizzato negli anni Ottanta, con il voto contrario dell'assemblea, attrezzandosi in proprio e continuando a sostenere le spese come fosse allacciato. Ora, con le misurazioni dei consumi ex Dlgs 102/2014, qual è la sua posizione relativamente al consumo involontario? È tenuto, quale partecipante al condominio, a concorrervi come ogni proprietario allacciato e nella misura corrispondente al consumo potenziale della sua unità immobiliare? Che dicono le norme, considerando che dal suo distacco risulta un forte aggravio per gli altri condomini?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?