INTERESSI DOVUTI DA QUANDO SONO NOTIFICATI

LA DOMANDA Relativamente alla costruzione di una civile abitazione, dotata di regolare concessione edilizia del 1977, sono state eseguite dal sottoscritto opere in difformità, rientranti nella tipologia 1-2-3-4-5-6 di cui alla tabella allegata alla legge 47 del 1985. Dopo avere presentato, in data 13 giugno 1986, la domanda di sanatoria per le opere di cui sopra, a norma della legge citata, e dopo avere pagato l'oblazione dovuta, il 15 novembre 2016 vengono richieste, dall'amministrazione competente, delle integrazioni documentali e, insieme, viene chiesto il calcolo degli oneri di concessione dovuti, in aggiunta ai relativi interessi sugli oneri concessori. A oggi sono oltre 300 le pratiche dell'epoca per le quali il Comune chiede, a distanza di 30 anni, le integrazioni documentali, oltre che gli oneri concessori con i relativi interessi.Ma sono davvero dovuti gli interessi sugli oneri nel caso in cui l'amministrazione lasci in sospeso la pratica per più di 30 anni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?