LA NOMINA DEVE PASSARE IN ASSEMBLEA

LA DOMANDA Il mio quesito riguarda la nomina dell'amministratore di condominio. Ho sottoscritto, con una raccolta di firme porta a porta, insieme ad altri condomini, che rappresentano la maggioranza di un condominio di 6 abitazioni, un'offerta di amministrazione al di fuori di una regolare convocazione ad un'assemblea di condominio. In questa offerta non erano elencate dettagliatamente tutte le spese per la gestione del condominio. Nella prima assemblea indetta dal nuovo amministratore, la questione della nomina infatti non è stata oggetto di delibera. Nell'assemblea l'amministratore si è limitato ad accettarla, ma probabilmente la nomina doveva essere avallata dall'assemblea con i quorum di legge in quanto, stando all'articolo 1136, la nomina e la revoca dell'amministratore devono essere deliberate dall'assemblea. È legittima questa nomina? E gli atti successivi? Qualora dovesse chiedere l'emissione di decreti ingiuntivi, questi sarebbero validi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?