LA LITE IN CORSO NON ESENTA DAL PAGAMENTO DELLE QUOTE

LA DOMANDA A maggio 2016 è venuto a mancare il proprietario di uno degli appartamenti nel condominio. L'amministratrice ha riferito al condominio che l'appartamento è stato ceduto come nuda proprietà a una persona esterna alla famiglia del defunto, mentre l'usufrutto è rimasto alla moglie del defunto. A novembre 2016 è stato deliberato in assemblea di condominio la costituzione di un fondo per lavori straordinari per interventi di recupero del tetto e scelto il preventivo della ditta che eseguirà i lavori. Il termine per costituire il fondo era dicembre 2016. Ad oggi, la persona che dovrebbe essere intestataria della nuda proprietà si rifiuta, su consiglio del suo legale, di versare la sua quota, poiché è possibile che i figli del defunto intendano impugnare il testamento. Su che base un legale può consigliare all'assistita di non versare tale quota?L'amministratrice non dovrebbe quindi procedere a inviare il decreto ingiuntivo per morosità?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?