FRAZIONAMENTO DEI TERRENI E DEPOSITO IN COMUNE

LA DOMANDA Tre persone, nel 2007, acquistano fra loro e, in solido, un terreno agricolo di circa 9.500 metri quadrati nelle seguenti proporzioni: 500/1000; 395/1000 e 105/1000. Oggi intendono donare tale fondo ai rispettivi figli, frazionandolo in tre particelle catastali distinte, in modo che ogni figlio possa vantare su ogni particella i millesimi di proprietà che gli verranno donati dal genitore. Il frazionamento si rende necessario in quanto i donatari intendono stipulare fra di loro e/o con terzi contratti di locazione agraria e l'agenzia delle Entrate, per la registrazione del contratto esige che i fondi siano individuati da particelle catastali distinte. Il quesito è: può l'ufficio del territorio (catasto terreni) rifiutare la registrazione del frazionamento pur avendo invocato l'applicazione dell'ultimo comma dell'articolo 30 del Dpr 380/2001? Mi potete indicare qualche sentenza per poter contestare al catasto la decisione presa?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?