CONFERMA AMMINISTRATORE: SERVE IL DOPPIO QUORUM

LA DOMANDA Un amministratore - alla scadenza del primo anno in condominio - si è fatto rinnovare l'incarico per il biennio senza che ci fosse un punto specifico all'ordine del giorno dell'assemblea (la votazione è avvenuta mentre si trattava la voce "Varie ed eventuali"). Quest'anno, poi, si è fatto confermare con la maggioranza degli intervenuti (23 condòmini) e 210 millesimi, mentre i 12 restanti condòmini contrari avevano 370 millesimi. Se sono sempre necessari 501 millesimi per nominare l'amministratore, perché questa conferma con 210 millesimi? Forse contando sulla non impugnazione? C'è una predominanza della maggioranza delle teste rispetto a quella dei millesimi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?