UN ACCORDO TRA LE PARTI PER RISOLVERE L'ABUSO

LA DOMANDA Con il condono del 1985, mia madre presentò la domanda con il relativo disegno del geometra per la chiusura di un balconcino dal quale aveva ricavato un angolo cottura. Io non ne sapevo nulla. Nel 2015 mi viene richiesta dal comune la certificazione per la definizione della pratica. Nella lettera inviatami dal comune, in indirizzo ci siamo: io, quale erede, e gli attuali proprietari, eredi anch'essi. Ho venduto l'appartamento quasi 20 anni fa al loro nonno. Sull'atto di vendita non si fa nessun accenno a questa documentazione, perché non ne sapevo l'esistenza, tant'è che sul contratto io mi assumevo tutta la responsabilità sulla regolarità dell'appartamento. A chi spetta completare l'opera?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?