L'AVVISO DELL'ASSEMBLEA INVIATO CON LARGO ANTICIPO

LA DOMANDA Il nostro condominio vorrebbe deliberare una modifica dell'attuale regolamento (non contrattuale) per obbligare l'amministratore ad inviare la convocazione e la documentazione di assemblea (ordinaria, straordinaria, di scala) con almeno due settimane di anticipo, invece dei soli cinque giorni minimi attualmente previsti, che sono giudicati troppo brevi per un adeguato esame dei documenti e richieste di spiegazioni. Si domanda: 1) se è possibile derogare alla norma civilistica e di regolamento condominiale che prevede i soli 5 giorni, con una delibera assunta a maggioranza; e in tal caso, 2) che maggioranze servono (teste e millesimi). Ammesso che tutto quanto precede sia possibile, si chiede infine 3) se la delibera assembleare modifichi automaticamente il regolamento o necessitino ulteriori adempimenti formali.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?