PREGIUDIZIO AL CREDITORE E AZIONE IN REVOCATORIA

LA DOMANDA In un pignoramento presso terzi, riguardante i canoni di locazione di alcuni immobili, il debitore esecutato ha provveduto a vendere gli immobili, sottraendo ogni garazia al creditore. Sull'immobile non c'era trascrizione del pignoramento, ma il debitore aveva ricevuto regolare atto di precetto. È lecito vendere degli immobili, sottraendo i frutti al creditore, che stava riscuotendo le somme dovute, o il debitore che ha agito in mala fede può essere revocato, avendo compiuto un atto in frode?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?