DECISIVA LA POSIZIONE DEL CONTATORE DELL'ACQUA

LA DOMANDA Recentemente si è verificata una perdita di acqua nel bagno del mio appartamento, con danneggiamento della parete. Dopo una laboriosa ricerca, si è accertato che la causa è la perdita del contatore Acea, incassato nel sovrastante muro di cinta di proprietà del condominio (il mio appartamento si trova sotto il livello stradale), in un luogo accessibile dalla strada pubblica, ove una squadra operativa ha provveduto alla riparazione del danno. Alla mia richiesta di risarcimento, il gruppo multiservizi Acea ha risposto che la squadra ha riscontrato un danno al contatore che si trova in proprietà privata, e pertanto, a norma dell'articolo 13 del regolamento per la somministrazione dell'acqua, di cui alla delibera del Comune di Roma 4346 del 14 novembre 1980, Acea «non è responsabile dei danni a terzi, che avessero a verificarsi a causa di quella parte di opera di presa, insistente su aree private, non gravate da uso pubblico». Ma l'Acea non è responsabile della manutenzione dell'acquedotto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?