SOCIETÀ «IN HOUSE», LIMITI PER GLI ORGANI CONSULTIVI

LA DOMANDA Una società in house, operante nel settore It (information technology), è intenzionata a costituire un comitato per consentire l'esercizio del controllo analogo dei soci, enti territoriali, nell'ottica del Dlgs 50/2016. Il successivo Dlgs 175/2016, testo unico per le società partecipate, all'articolo 11, comma 13, stabilisce che «le società a controllo pubblico limitano ai casi previsti dalla legge la costituzione di comitati con funzioni consultive o di proposta». Si chiede se, "a valle" dell'entrata in vigore del testo unico citato, è lecito costituire in statuto comitati con funzioni consultive e, in caso affermativo, quali sono le leggi che li consentono.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?