SE VIENE MENO LA FIDUCIA NELL'AMMINISTRATORE

LA DOMANDA Il nostro amministratore, di nomina recente, ha partecipato all’ultima riunione di condominio anche in qualità di portatore di due deleghe da altrettanti condòmini. Tale circostanza è stata rilevata successivamente a ricezione del verbale della riunione suddetta. Questa condotta, contraria alle disposizioni di legge, è da considerare “colpa grave” e può comportare la revoca giudiziale dell’amministratore? E ancora, esiste un termine di scadenza entro il quale, eventualmente, agire per queste irregolarità?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?