IL FIGLIO DEL CONIUGE NON È EREDE LEGITTIMO

LA DOMANDA Una signora, vedova senza figli, nomina con testamento olografo erede universale il proprio fratello, unico superstite di altri fratelli premorti. Il coniuge della signora, genitore di un unico figlio ormai maggiorenne nato da un precedente matrimonio, è deceduto da molti anni. È ipotizzabile una eventuale impugnazione del testamento da parte del figlio di primo letto per lesione di legittima, ai sensi dell' articolo 467 del Codice civile in materia di rappresentazione, in assenza di espresse disposizioni testamentarie relativamente alla sostituzione del coniuge premorto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?