GLI EFFETTI SUL PRESTITO ALLA MORTE DEL PADRE

LA DOMANDA Un figlio è proprietario di un immobile non più adatto alle esidenze della famiglia, cresciuta nel tempo. Ha interesse ad acquistare un nuovo immobile da adibire ad abitazione principale, vendendo poi entro l'anno la vecchia casa. Per poterlo aiutare nell'acquisto e così sistemarlo adeguatamente, pensavamo, come padre e madre distintamente, di prestare parte dell'importo necessario, senza interessi, con due scritture private, raccomandata con data certa, marche da bollo, da rimborsare alla vendita del vecchio immobile. Nel caso estremo di decesso di un genitore, un prestito verrebbe rimborsato e l'altro prestito entrerebbe nell'asse ereditario. È possibile questa soluzione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?