IL PARCHEGGIO DEI PAZIENTI NEL CORTILE A DISPOSIZIONE

LA DOMANDA In pensione, ho un’attività minima di medico. Ho un piccolo studio in un condominio di 5 proprietari. Non c’è amministratore. Nel cortile comune sono proprietario di un posto auto. Tutti hanno spazio per le loro auto. Resta pure spazio per chi viene a trovare i condomini. Non c’è alcuna sbarra. Uno dei proprietari non vuole che auto di estranei entrino nel cortile, compresi i miei pochi assistiti, che spesso sono inseguiti da due cani di piccola taglia, liberi, che abbaiano finché il cliente non è entrato da me. Il condomino minaccia i miei clienti dicendo che farà denuncia per violazione di proprietà privata e mette cartelli con scritto: vietato entrare agli estranei. Ma i suoi visitatori possono sostare. Talvolta sposta la sua auto dietro quella del mio cliente. La polizia locale non interviene essendo area privata. Chiedo se è lecito che i miei visitatori sostino nel cortile comune e se è lecito il comportamento di un proprietario che mette i cartelli di divieto di accesso.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?