PER L’AGENTE I CAMPIONARI SONO BENI STRUMENTALI

LA DOMANDA Un agente di commercio operante nel settore dell’abbigliamento, codice Ateco 461601, compra durante l’anno dei campionari che utilizzerà per la campagna vendite. Questi campionari sono composti da diversi capi che, all'atto dell’acquisto, sono stati contabilizzati tra i beni di costo unitario inferiore a 516,46 euro. Finita la campagna vendite, spesso nell'anno successivo i campionari vengono rivenduti a prezzi anche inferiori al costo di acquisto e la relativa operazione viene contabilizzata come cessione di beni di costo unitario inferiore a 516,46 euro, rilevando tutto l’importo a plusvalenza. È corretto tale comportamento, considerato che, registrando invece l’operazione come acquisto di merce o come altri costi d’esercizio, vi sarebbero problemi di incongruenza con lo studio di settore?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?