DEMOLIZIONE E RIPRISTINO IN ASSENZA DI CONFORMITÀ

LA DOMANDA Nel 1985, in un fabbricato degli anni 40 - allora classificato rurale (ora urbano) - è stata aperta una porta sul muro portante esterno, al posto della finestra (con le medesime dimensioni), al fine di accedere, attraverso un terrazzo, all’abitazione che si era realizzata a seguito di un atto di divisione, e senza svolgere alcuna pratica in Comune (presumibilmente, per ignoranza la pratica era stata ritenuta non necessaria).Non è stata presentata domanda di condono nel 1986 e neanche nel 2003. È possibile sanare ora la situazione, e con quali conseguenze? Dato che sono stati conservati sia l’infisso che i mattoni (si tratta di una facciata "a vista"), è possibile fare il ripristino e iniziare una regolare pratica edilizia?Si precisa che attualmente l'immobile si trova in una zona agricola di interesse paesistico e che, dal punto di vista sismico, rientra nella classe 2.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?