«TRASPARENTI» I DATI NEL RICORSO AL GIUDICE

LA DOMANDA Ho chiesto e ottenuto che venisse nominato un amministratore giudiziario del condominio. Il nuovo amministratore ha comunicato a quello precedente che, dal 15 settembre 2016, il giudice gli ha conferito la nomina per la gestione del condominio. Il precedente amministratore, ricevuta la comunicazione, ha pensato bene di far eseguire una ricerca in cancelleria e ha trasmesso via e-mail la comunicazione a tutti i condòmini, allegando il ricorso del mio legale, su cui ovviamente erano riportati tutti i dati personali miei e di mia moglie, in quanto comproprietaria dell'unità abitativa. Ritengo che l'ex amministratore, avuta comunicazione da quello nuovo dell'ordinanza del giudice da cui si evinceva che dal 15 settembre non era più in carica, non avesse titolo per trasmettere i miei dati personali e quelli di mia moglie. Ha commesso una violazione della privacy, a norma del Dlgs 196/2013?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?