NON C'È FALSO PER ERRORI NELL'ITER DI CONVOCAZIONE

LA DOMANDA All'inizio dell'assemblea condominiale il presidente dichiara: «Constatata la regolarità delle convocazioni dichiaro valida l'assemblea e apro la discussione sui punti all'ordine del giorno». Orbene, se invece risulta poi che diversi condòmini non sono stati convocati dall'amministratore perché è stata usata un'anagrafe condominiale non valida e a dir poco incompleta, il presidente che ha dichiarato il falso ha responsabilità penali? E così pure se il verbale assembleare viene dattiloscritto non durante la riunione ma dopo, c'è un altro falso perseguibile penalmente a carico del presidente?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?