SPESE DI VITTO DEDUCIBILI IN BASE ALL'INERENZA

LA DOMANDA In una società in accomandita semplice con due soci (attività rappresentanze per conto di aziende commerciali), l’accomandatario compie quotidianamente una trasferta al di fuori della sede comunale. La spesa di trasferta, consistente di norma nella sola fattura del ristorante, deducibile al 75 per cento, con Iva detraibile al 100 per cento, viene registrata singolarmente e quotidianamente in contabilità semplificata. È necessaria, in tal caso (un solo documento), la cosiddetta nota spese di trasferta riepilogativa, oppure è sufficiente una sola dichiarazione riepilogativa annuale, connessa all’attività della società, da allegare alla documentazione fiscale, riportante il totale annuo delle spese di trasferta (vitto)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?