RINUNCIA ALLA SANATORIA: SERVE LA DEMOLIZIONE

LA DOMANDA Con l’acquisto di un immobile all’asta si ereditano anche gli abusi edilizi. In presenza di una istanza di sanatoria - con pagamento parziale del costo dell’oblazione, ma non degli oneri di urbanizzazione e del contributo di costruzione - presentata dai vecchi proprietari, è possibile ripristinare lo stato originario, abbandonando la domanda di sanatoria? In questo caso, quale richiesta bisogna presentare all’ufficio urbanistico del Comune ove è ubicato l’immobile, considerando che ci sono delle opere di demolizione per le opere abusive e di ricostruzione per il ripristino dello stato originario? Quanto descritto ha un costo economico da pagare al Comune, oppure non si paga alcunché, visto che si vuole tornare al progetto originario, conforme al certificato di agibilità/abitabilità rilasciato tanti anni fa?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?