LA DELIBERA È SEMPRE MODIFICABILE IN ASSEMBLEA

LA DOMANDA Un condomino ha realizzato un camino sul tetto, ottenendo tutte le prescritte autorizzazioni, ma dimenticando che il regolamento condominiale vieta qualsiasi opera su parti comuni. L'assemblea condominiale ha posto all'ordine del giorno il tema e, al termine, ha deliberato di non applicare alcuna sanzione al condomino. Dopo pochi mesi alcuni condomini, presenti alla prima assemblea, sembrano voler cambiare idea e propongono di convocare una seconda assemblea ad hoc per ridiscutere l'argomento. Nessun nuovo elemento è, nel frattempo, emerso. È legittimo poter discutere e giungere, paradossalmente, a diverse delibere su uno stesso tema in un arco di tempo di pochi mesi?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?