CESSIONE DEL CONTRATTO: L'ESONERO PROSEGUE

LA DOMANDA Un'azienda metalmeccanica (società A) ha in essere un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato con un lavoratore, per il quale sta fruendo dell'esonero contributivo triennale. Alla fine del 2016 verrebbe costituita una nuova società (società B) nella quale verrebbero fatti confluire alcuni lavoratori in forza nella società A. La società A non chiuderà, ma continuerà a svolgere la normale attività con il personale non interessato alla cessione di contratto. Nel caso si procedesse ad un'operazione di cessione del contratto di tale lavoratore, dalla società A alla società B, quest'ultima potrebbe fruire dell'esonero contributivo triennale residuo in capo al lavoratore ceduto, visto che con tale cessione il lavoratore non cessa il rapporto di lavoro ma mantiene l'anzianità maturata presso la società A?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?