OMESSA VIGILANZA, I DANNI SI CHIEDONO AL CONDOMINIO

LA DOMANDA Abito in un appartamento all'interno di un condominio. Recentemente, a causa di una perdita, sono stati sostituiti i tubi di grondaie e fognature. Per fare questo hanno sventrato i muri di due appartamenti, il mio e quello sopra. Durante i lavori di distacco e riallaccio dei tubi è successo che i condòmini sovrastanti hanno fatto uso dei servizi e di fatto, in assenza dei tubi, tutto il liquame dei water è stato sversato nel mio alloggio. L'amministratore non aveva posto alcun cartello per avvisare dei lavori, né, tantomeno, aveva indicato orari e divieti. Io ho chiesto un risarcimento danni per pulizie e disagio ambientale all'amministratore, ma questi non mi ha risposto. Che tipo di domanda devo inoltrare perché la richiesta di risarcimento sia legale? In base a quale articolo di legge? Potrei trattenere la cifra dalle rate delle spese condominiali?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?