TABACCHI, SONO RICAVI GLI AGGI SPETTANTI

LA DOMANDA Il titolare di un bar esercita la propria attività in forma di Sas (società in accomandita semplice) e, superando il limite di 400.000 euro, previsto per l'attività del bar, la gestisce in contabilità ordinaria. Da pochi mesi ha acquistato la licenza di rivendita tabacchi. Il problema è sapere se anche la contabilità di rivendita tabacchi dev'essere gestita in contabilità ordinaria o se può essere gestita in contabilità semplificata, mediante opzione per la contabilità separata.Se sussiste l'obbligo della contabilità ordinaria anche per la rivendita di tabacchi, quali scritture contabili giornaliere dovranno essere effettuate riguardo all'acquisto e vendita dei tabacchi e alla rilevazione dell'aggio?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?