IL GIOCO DEL CALCETTO PUÒ STARE NEL CORTILE

LA DOMANDA Da 10 anni ho posto un gioco del calcetto da tavolo nel cortile condominiale; per regolamentarne l’uso, ho previsto il pagamento di 50 centesimi a partita. La fruibilità è limitata (è un condominio “estivo”) e gli introiti non hanno significativo rilievo economico, ma coprono la manutenzione (perdita palline, accidentali rotture). Il regolamento condominiale nulla prevede e nessun disturbo viene arrecato all’utilizzo del cortile degli altri condòmini. Alcuni nuovi proprietari hanno contestato l’occupazione di uno spazio comune e la presenza di un (illegittimo) scopo di lucro. Io chiedo:1) dopo un decennio, può il condominio costringermi a togliere il gioco e/o ad eliminare il gettone?2) Può l’assemblea deliberare di acquistare a sua volta un calcetto da tavolo, confermando il pagamento delle partite, ma a beneficio del condominio?3) Se sì, con quale maggioranza va deliberato? I condomini dissenzienti devono concorrere all’acquisto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?